The Great Gatbsy O.S.T.

Sono di nuovo qui a parlare del Grande Gatsby? Ebbene sì. In questa settimana ci ho pensato, ho meditato sopra la colonna sonora e mi sono accorta che non parlato davvero di quello che mi è sembrato questo film. Molti lo hanno trovato deludente, in qualche modo non coerente con il libro (no, non è vero. Non segue il libro solo per un piccolo particolare, ma che viene riempito di citazioni di vita di Fitzgerald e letterarie, cosa che mi sembra da ammirare) [youtube http://www.youtube.com/watch?v=jxQWckbhVTU&version=3&hl=it_IT] Ma una grandissima parte del mio amore per il film è data dalla colonna sonora. Quando ho scritto l'altro post non le avevo dato il giusto peso, anzi, non l'avevo nemmeno menzionata. Durante il film è perfetta, rende in modo stupendo certe atmosfere delle feste, estreme e obbligate per quegli anni. Mi piace molto l'adattare musica contemporanea a mondi sorpassati. Ha funzionato benissimo nel film della Coppola, Marie Antoinette, e funziona anche qui. La colonna sonora è stata studiata nei minimi dettaglia da Buz Luhrmann, i suoi fedeli aiutanti nelle musiche e il produttore esecutivo è Jay-Z. Non pensavo che l'avrei mai detto, ma han fatto un ottimo lavoro. Se ci si sofferma per più di due secondi si capisce il perchè di molte scelte. Come dice lo stesso Buz: "And in our age, the energy of jazz is caught in the energy of hip-hop". Ci sono molte cover, tra cui Back to black di Amy Winehouse, che devo ammettere, è più bella dell'originale, per lo meno associandola a questo film. Altra cover è quella di Love is blindness degli U2, rifatta da Jack White (altro mio amore, la canzone, non Jack White). [youtube http://www.youtube.com/watch?v=zBu9KqvtxCI&hl=it_IT&version=3] Infine Lana Del Rey si merita di essere citata, non credevo l'avrei mai detto, ma "ben fatto Lana". [youtube http://www.youtube.com/watch?v=Te11UaHOHMQ&version=3&hl=it_IT] Ultima nota bella di questa colonna sonora: alcuni artisti che mai avrei degnato di nota, si fanno notare per un lavoro diverso dal loro repertorio. Come Sia, nero e Gotye. Per ultimissimi lascio gli XX? I miei adorati? Sì, perché da loro non mi aspettavo nulla di meno, ma nulla di più. Rimangono sempre nel loro territorio sicuro, cosa che gli viene molto molto bene, per carità, è bello sapere che un gruppo, almeno, non ti deluderà.   Avrò terminato di parlare del Grande Gatsby? No, secondo me ritornerò.

Leave a comment

Please note, comments must be approved before they are published