Normalità e parole


Si torna alla normalità. In questi giorni mi stavo chiedendo se nei prossimi due mesi riuscirò a scrivervi tutti i giorni e, soprattutto, se ha senso che lo faccia. Magari voi siete più fortunati di me e riuscirete a fare anche quelle cose strane chiamate vacanze, o, magari, avrete solo poca voglia di stare davanti allo schermo del pc. Quindi mi sono detta che magari rallento un po', oppure potrei rimanere a fare compagnia a chi, come me, quest'anno resta a casa. Potrei raccontarvi di tutte le serie con cui mi riempio gli occhi; potrei parlarvi della musica che scopro (poca), e quella che riascolto infinite volte (tanta). O ancora potrei portarvi ogni tanto nelle mie letture giornaliere o nelle mie passeggiate per una Milano che d'estate diventa una cosa strana, tra asfalto in cui affondi e parchi affollati neanche fosse Rimini. Qualche piccola gita spero di riuscire a concedermela, domani, incredibile ma vero, andrò al mare. Non che io vada pazza per una vacanza al mare, anzi, appena ho potuto smettere di farle l'ho fatto, dedicandomi a girare per città in cui i miei occhi si potevano perdere tra palazzi e librerie in lingue straniere. Però mi manca l'acqua, se fossi meno pigra durante l'anno andrei in piscina e non è detto che prima o poi lo faccia. Per ora mi manca quell'elemento, starei delle ore tra mare e piscine, poi appena esco mi rifugio all'ombra coccolata da pagine ben poco da spiaggia (un anno,al liceo, mi sono ritrovata a leggere La Metamorfosi in spiaggia in Toscana) e musica triste. Insomma, spero di portarvi con me in qualche gita tra mare, montagna e paesini. Mi piacerebbe farvi vedere che paesini strani circondano la città in cui sono nata, ma d'estate si riempiono di tutta quella gente che durante l'anno li abbandonano e sono molto meno belli.

action-28

Avevo iniziato a scrivere dicendovi che si tornava alla normalità dei post ed eccomi qui a parlarvi di tutt'altro. Ora cerco di rimettermi in carreggiata, promesso. Ricominciamo. Ciao, come state? Oggi è venerdì e vi racconto cosa sto combinando con Keep Calm And Knit. In questa settimana di rassegna sono andata avanti in due o tre progetti. Prima di tutto è nata la campagna "adotta un hater".

DSC_0131.2

Gli hater sono un brutto problema di questa società di social networks, però, se noi proviamo a dargli amore non è detto che riescano a diventare belle persone anche loro e al posto di spargere odio a caso, inizino a spargere amore a caso. L'hater lo potete adottare su tutti i miei store online (sotto vi metterò i links utili). Per ora è in cotone blu jeans, presto arriverò anche fucsia e se desiderate adottare un hater del vostro colore preferito, basta contattarmi e vedremo cosa si può fare. Seconda novità sono gli esserini che continuo a disegnare e che continuano a prendere nuove forme. Non volendo solo lasciarli alla carta e alle matite colorate (anche perché non sono per nulla brava), dopo averne fatti nascere alcuni in cotone colorato, li sto facendo diventare delle copertine di piccoli quaderni. Si tratta di quaderni in carta di bambù con pagine senza righe o quadretti, la copertina è a metà tra il disegno e il pannolenci. Per ora ne esistono due esemplari, uno, però, è un regalo di compleanno che ancora devo consegnare, per cui non posso farvi vedere di cosa si tratta, non vedo l'ora però. Appena l'ho finito ero super contenta del risultato, anche perché l'ho realizzato pensando ai gusti della persona a cui lo regalo e credo proprio di aver azzeccato. Intanto vi faccio vedere l'altro quaderno: I love music (sì è autobiografico).

DSC_0005.2

Che dirvi ancora? Ecco sì, inizio ad annunciarvi che sabato e domenica prossima sarò in quel di Torino, un po' per divertimento (in settimana vi racconto il perché) e molto di più per lavoro, sarò con il banchetto di Keep Calm And Knit alla manifestazione Torino Can Jump. Per oggi credo di avervi sommerso di parole, per chi legge il blog, lunedì ritornano le recensioni malriuscite dei libri e per chi mi segue su Instagram domani vi porto con me al mare. Ps: sì, la foto della copertina è Parigi e sì, mi manca. ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Links utili Instagram: per scatti immediati. Twitter: per il "di tutto un po'". Keep Calm And Knit: per una raccolta veloce di tutti i miei lavori. Tumblr: per lavori e ispirazioni. Facebook: per informazioni utili e aggiornamenti veloci. Store online: Etsy, A Little Market, Dawanda e da qualche giorno è possibile acquistare direttamente da Tumblr! Society6: per stampe di disegni e immagini.

Leave a comment


Please note, comments must be approved before they are published